Come sapere se il vostro browser di fiducia supporta una funzionalità dell’HTML 5
27 marzo 2013
Joomla: Hacking e Defacing, come e perchè
13 maggio 2013
Mostra tutto

In fase di sviluppo di un nuovo sito è mia abitudine tenerlo in una sorta di incubatrice: ovvero renderlo accessibile via internet, per modificarlo agevolmente, ma non nel suo indirizzo definitivo in modo che il lavoro di affinamento e costruzione non sia visibile al pubblico.

Nel caso dell’ultimo sito sviluppato, per qualche strana e incomprensibile ragione, google ha indicizzato il sito in incubazione ed i suoi contenuti, rendendo necessario configurare un re-indirizzamento degli indirizzi dell’incubatrice verso le pagine reali e definitive.

Questo è possibile, nei server basati su Apache, creando nella cartella che contiene il sito in incubazione un file .htaccess che contenga le linee


RewriteEngine On
 RewriteRule ^(.*)$ http://nuovo_dominio/$1 [R=301,L]

In tal modo tutte le pagine della directory in cui si trova il file .htaccess vengono rimandate alle omonime pagine presenti nel dominio nuovo_dominio con un codice 301 che, fra le altre cose, comunica ai motori di ricerca lo spostamento definitivo della pagina in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *